BANDO CONCORSO

Scarica Il bando di concorso in formato PDF

Art. 1 ENTE BANDITORE DEL CONCORSO

L’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Pordenone organizza “Quaderni di viaggio”, 7^ edizione del concorso in memoria dell’Architetto Giannino Furlan che prevede l’assegnazione di tre borse di studio.

L’ammontare di ciascuna borsa di studio è pari a € 2.000,00 quale contributo per le spese di viaggio, di soggiorno e per l’acquisto di materiale informativo e bibliografico di approfondimento relativo al viaggio stesso e utile ad illustrare l’esperienza nella mostra appositamente allestita presso la Fondazione “Ado Furlan” all’inizio del mese di settembre 2019 e per la durata di un mese.

La 1^ edizione del concorso si è svolta nel 2003, in seguito alla mostra del 2001 dedicata all’architetto presso la Galleria Sagittaria di Pordenone e fortemente voluta dal “Comitato in memoria di Giannino Furlan”.

Le successive edizioni si sono svolte rispettivamente nel 2007, nel 2009, nel 2012, nel 2014 e nel 2017.

Tale concorso è rivolto ai laureati in Architettura, Pianificazione, Paesaggistica e Conservazione (laurea specialistica/magistrale) residenti nella Regione Friuli Venezia Giulia e agli iscritti agli Ordini degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Regione Friuli Venezia Giulia con età massima di 35 anni alla data del 31 Dicembre 2018.

La segreteria dell’Ordine è a disposizioni per informazioni e copia del bando è disponibile nel sito: www.architettipordenone.it e www.quadernidiviaggio.net

Art. 2 TEMA E OBIETTIVI DEL CONCORSO

Tema del concorso è lo svolgimento di un viaggio all’estero che abbia come obiettivo la conoscenza dell’architettura in tutte le sue forme, ma anche nuovi modi di svolgere la professione, in realtà e contesti di differenti livelli e dimensioni.

Il viaggio dovrà svolgersi entro e non oltre il 24 agosto 2019.

Le esperienze di viaggio ed il loro risultato (illustrati mediante foto, video, schizzi, ridisegni, nuove forme digitali, ecc.) saranno esposte con allestimento curato dai vincitori stessi in una mostra collettiva presso la Fondazione “Ado Furlan” all’inizio del mese di settembre 2019.

Art. 3 REQUISITI DI PARTECIPAZIONE

Il concorso è rivolto ai laureati in Architettura, Pianificazione, Paesaggistica e Conservazione (laurea specialistica/magistrale) residenti nella Regione Friuli Venezia Giulia e agli iscritti agli Ordini degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Regione Friuli Venezia Giulia con età massima di 35 anni alla data del 31 Dicembre 2018. La partecipazione avviene in forma singola e anonima.

Art. 4 MOTIVI DI INCOMPATIBILITÀ E CAUSE DI ESCLUSIONE DEI PARTECIPANTI

Al presente concorso non possono partecipare, pena l’esclusione :

  • i membri della Giuria, i loro coniugi e parenti fino al terzo grado ed i loro collaboratori;

  • coloro i quali, a qualsiasi titolo, abbiano rapporti di lavoro, vincoli di collaborazione o relazioni continuative con i membri della Giuria del concorso e della Segreteria tecnica- amministrativa;

  • gli amministratori, i consiglieri e i dipendenti degli Ordini degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Regione Friuli Venezia Giulia;

  • coloro che hanno partecipato alla organizzazione e stesura del presente Bando e dei documenti allegati;

  • coloro per i quali esistano cause ostative di tipo legale;

  • coloro che hanno già vinto una delle edizioni precedenti del concorso stesso.

Art. 5 ELABORATI RICHIESTI

La candidatura avviene attraverso una relazione, che illustri l’itinerario e le finalità del viaggio che dovrà avere come obiettivo la conoscenza dell’architettura in tutte le sue forme, ma anche modi di svolgere la professione in realtà e contesti di differenti livelli e dimensioni.

La relazione dovrà essere redatta in formato A4, con orientamento libero, di un numero massimo di 10 facciate stampate solo su fronte, e potrà contenere, oltre al testo, schemi , disegni, immagini necessari per illustrare il programma ed i suoi obiettivi.

Non saranno accettati documenti difformi o materiali diversi.

Il materiale inviato non verrà successivamente restituito.

Ogni concorrente potrà presentare una sola proposta.

I vincitori dovranno illustrare in pubblico i risultati dell’esperienza producendo, a seguito del viaggio, materiali (foto, video, schizzi, disegni, multimedia ecc.) idonei ad essere esposti in una mostra collettiva curata dagli stessi vincitori presso la Fondazione “Ado Furlan” all’inizio del mese di settembre 2019.

Art. 6 MODALITÀ E TERMINI DI CONSEGNA DEGLI ELABORATI

I concorrenti dovranno inviare il materiale in forma anonima, in un unico plico riportante la dicitura Borsa di studio Giannino Furlan”.

Il plico dovrà contenere due involucri separati riportanti rispettivamente la dicitura INVOLUCRO A – ITINERARIO DI VIAGGIO e INVOLUCRO B – DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA.

Il plico A dovrà contenere:

  • la relazione illustrante l’itinerario di viaggio e le finalità ricercate. La relazione sarà introdotta da un titolo preciso.

Il plico B invece dovrà contenere:

  • la domanda di partecipazione completa in tutte le sua parti e firmata;

  • fotocopia di un documento di identità valido e l’informativa (art. 13 Regolamento UE 679/2016) firmata.

Nella domanda di partecipazione dovrà essere riportato il titolo della relazione illustrante la proposta e contenuta nel plico A.

In nessun caso i partecipanti potranno violare il carattere anonimo della fase concorsuale apponendo simboli, segni o altri elementi identificativi, pena l’esclusione del concorso.

Il plico dovrà pervenire, unicamente a mezzo postale, presso la Segreteria del concorso entro e non oltre il giorno 31 maggio 2019. Il termine indicato per la consegna degli elaborati è perentorio.

Il plico dovrà essere indirizzato a:

Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e

Conservatori della Provincia di Pordenone

Piazzetta Ado Furlan n. 2/8

33170 Pordenone

Il plico non dovrà riportare l’indicazione del mittente. Qualora l’amministrazione postale o il servizio di recapito utilizzato richieda l’indicazione dell’indirizzo del mittente, al fine di omettere qualsiasi indicazione che possa compromettere l’anonimato del partecipante, andrà indicato quello dell’Ente Banditore del concorso.

Nel caso di smarrimento del plico l’Ente Banditore del concorso non accetterà alcuna rivalsa da parte dei partecipanti. I plichi contenenti gli elaborati non potranno essere inviati con spese di spedizione a carico del destinatario.

Art. 7 GIURIA DEL CONCORSO

La Giuria è stata nominata dal Consiglio dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Pordenone e risulta essere composta dagli architetti Luciano Campolin e Vittorio Pierini, tra i fondatori del Comitato in memoria di Giannino Furlan, dall’architetto Andrea Catto, rappresentante del Consiglio dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Pordenone, dall’architetto Caterina Bigatton, rappresentante della Federazione regionale degli Ordini degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori del Friuli Venezia Giulia, e dall’architetto Alessia Quaia tra i vincitori della scorsa edizione.

La Giuria è assistita nello svolgimento delle sue attività dalla Segreteria tecnica-amministrativa rappresentata dal consigliere dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Pordenone architetto Ivo Boscariol.

Della seduta della Giuria è tenuto un verbale, redatto da un componente della Giuria e custodito dall’Ordine.

La Giuria opera secondo le seguenti modalità e procedure:

  1. le sedute sono valide con la presenza di tutti i componenti;

  2. la Giuria assume le proprie decisioni sulla base dei criteri indicati nel bando specificandoli con apposita motivazione;

  3. il verbale della riunione della Giuria deve contenere una breve illustrazione sulla metodologia seguita e sull’iter dei lavori fino ai giudizi finali;

  4. la Giuria deve ultimare i propri lavori entro i termini indicati dal bando.

Art. 8 CRITERI DI VALUTAZIONE E MODALITÀ DI ATTRIBUZIONE DEI PUNTEGGI

La Giuria provvederà a valutare le proposte pervenute e ad attribuire i punteggi a ciascuna di esse secondo i seguenti parametri:

_ da 0 a 90 punti per l’originalità e il contenuto innovativo della proposta;

_ da 0 a 10 punti per la qualità grafica della presentazione;

Il totale del punteggio massimo è pari a 100 punti.

ART. 9 ESITO DEL CONCORSO E PREMIAZIONE

I risultati del concorso verranno comunicati ai vincitori tramite e-mail o PEC e pubblicazione nei siti interessati entro il 7 giugno 2019. La proclamazione dei vincitori e l’assegnazione delle Borse di Studio avverranno entro il 14 giugno 2019 presso la Sala riunioni dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Pordenone.

I vincitori del concorso riceveranno ciascuno in quella occasione il premio di € 2.000,00.

ART. 10 PROPRIETÀ DEGLI ELABORATI, DIRITTO D’AUTORE E DIRITTO DI PUBBLICAZIONE

I partecipanti si assumono la responsabilità dell’originalità del proprio progetto anche in relazione ad eventuali violazioni di marchi/brevetti e diritti d’autore facenti capo a terzi. L’Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Pordenone non si assume alcuna responsabilità riguardo ai progetti inoltrati.

L’Ordine si riserva il diritto di esporre e pubblicare i progetti presentati, senza che gli autori

abbiano a esigere diritti.

La piena proprietà dei progetti vincitori, ferma restando la proprietà intellettuale dell’opera, è acquisita dall’Ordine attraverso l’assegnazione delle borse di studio e solo dopo l’avvenuto pagamento del premio.

L’Ordine potrà utilizzare le forme e i mezzi di divulgazione che ritiene più idonei (masterizzazione CD Rom o DVD, fotocopie, duplicazione diapositive, ecc.), senza che gli autori possano pretendere compenso alcuno.

ART. 11 CALENDARIO

Data approvazione bando 26/11/2018 e successive modifiche approvate in data 11/03/2019.

Termine presentazione elaborati 31/05/2019.

Comunicazione dei vincitori e pubblicazione degli esiti del concorso all’interno dei siti dell’Ordine entro il 07/06/2019.

Assegnazione delle tre borse di studio entro il 14/06/2019.

Ultimazione del viaggio studio entro il 24/08/2019.

Allestimento della mostra relativa ai viaggi studio presso la Fondazione Furlan entro la seconda settimana di settembre 2019.

Inaugurazione della mostra relativa ai viaggi studio presso la Fondazione Furlan durante la terza settimana di settembre 2019.

ART. 12 MOSTRA E PUBBLICAZIONE DEI PROGETTI

I vincitori delle tre borse di studio si impegneranno a presentare in pubblico, in forma individuale ed a proprie spese, i risultati dell’esperienza producendo, a seguito del viaggio, materiale illustrativo (foto, video, schizzi, altri contenuti multimediali ecc.) atto ad essere esposto in una mostra collettiva presso la Fondazione “Ado Furlan” che si inaugurerà a settembre 2019.

La mostra rimarrà aperta per la durata complessiva di un mese circa e sarà compito dei tre vincitori l’allestimento e assicurare la loro presenza per l’apertura al pubblico e per il presidio della sala espositiva e del materiale esposto.

L’Ordine provvederà a rendere pubbliche le proposte vincitrici a mezzo stampa e attraverso sito internet dedicato, nel quale i giovani professionisti pubblicheranno il materiale da loro selezionato.

ART. 13 ACCETTAZIONE DELLE CLAUSOLE DEL BANDO

La partecipazione al concorso implica da parte di ogni concorrente l’accettazione incondizionata di tutte le norme contenute nel Bando.

La mancata sottoscrizione del bando e delle norme in esso contenute implica l’esclusione dal Concorso.

Ente promotore:

Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Pordenone

Con la collaborazione di:

Fondazione Ado Furlan

con il contributo di:

Zanutta

Cozzarin legnami

con il patrocinio di:

Comune di Pordenone

Consiglio Nazionale degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori

Federazione Regionale degli Ordini degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori del Friuli Venezia Giulia

Lascia un commento